Volando con le nuove tecnologie: il Drone

7

Sempre più spesso capita, alzando gli occhi al cielo, di osservare piccoli oggetti volanti che sorvolano le nostre teste. Immediatamente il nostro pensiero va ad un bimbo munito di telecomando e siamo portati ad esclamare “Ah … è solo un giocattolo!”. Siamo proprio sicuri che questo corrisponda alla realtà?

Cos'è un Drone?

Un drone, tecnicamente chiamato APR "Aeromobile a Pilotaggio Remoto", è un velivolo pilotato a distanza e gestito nel suo volo da un computer di bordo, che sostituisce la presenza di un umano su di esso. Vengono utilizzati principalmente nei settori militari ma, grazie al progredire della tecnologia, trovano sempre più spazio nel settore civile come ad esempio riprese di eventi sportivi , topografica o cerimonie religiose. Essi possono essere ad ala fissa (come gli aeroplani) o multirotori (ovvero il volo avviene grazie alla presenza di eliche). Sono elementi molto complessi sia da un punto di vista hardware che software e infatti l'insieme dei vari elementi (velivolo, radiocomando, fotocamera, software) prendono il nome di SAPR (Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto). Come tutti i velivoli devono rispettare delle specifiche norme che in Italia sono emanate dall' ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile) e possono essere pilotati solo da operatori specializzati e aventi le necessarie autorizzazioni da parte dell'ente che vengono rilasciate medianti esami e visite mediche appropriate.

 5

APR Multirotore                                              APR ad ala fissa

Ma allora perché i bambini giocano con i droni?

Ormai tutti i negozi di giocattoli rivendono piccoli droni che i nostri figli ci chiedono di acquistare perché avere la possibilità di volare, anche solo pilotando 6da terra un piccolo oggetto con eliche e fotocamera che riprende dal cielo tutto ciò che noi non possiamo vedere da terra, affascina i piccoli ed in fondo, ammettiamolo, affascina anche noi! Un piccolo drone al di sotto dei 250 grammi può essere pilotato da tutti in quanto, secondo i calcoli degli enti preposti, una sua caduta durante il volo non può creare un evento catastrofico. Ecco perché possiamo acquistarli e permettere ai più piccoli e a noi di giocarci. Ovviamente la presenza di un adulto è sempre consigliabile!

E per i droni di maggior peso?

I droni crescono di peso in funzione dell'obbiettivo per cui vengono utilizzati. E' chiaro che un drone utilizzato per riprese aeree durante un evento sportivo, richiede una precisione di volo impeccabile ed una videocamera ad alte prestazioni. Questo porta inevitabilmente all'aumento del peso complessivo del drone che, in caso di caduta può arrecare seri danni a cose o persone. Per questo motivo le operazioni di volo vengono regolamentate in funzione del luogo ove si deve operare:

  • Operazioni specializzate in Zone non critiche: volo eseguito in una area caratterizzata da un assenza di assembramenti di persone e che non presenti zone critiche come ad esempio infrastrutture sensibili. Ovviamente si può operare solo dopo aver conseguito tutte le necessarie attestazioni in osservanza e rispondenza al regolamento ENAC e pubblicazione nell'elenco degli operatori autorizzati al volo in zone non critiche;

  • Operazioni specializzate in Zone critiche: si tratta di agglomerati urbani, aree congestionate e assembramenti di persone. Questi voli necessitano di particolari autorizzazioni da parte dell'ENAC specifica per ogni operazione in funzione della zona di volo e che passano anche attraverso l'istallazione di particolari elementi di terminazione di volo sul drone.

Quindi un matrimonio o un evento sportivo è una zona critica!?

Una cerimonia (ad esempio un matrimonio) o un evento sportivo, (si pensi allo slalom di Coppa del Mondo di sci tenutosi a Madonna di Campiglio prima di Natale 2015), sono da considerarsi a tutti gli effetti delle zone critiche per il volo di un drone.

Sotto gli occhi di tutti, grazie a quanto riportato dalle cronache, è quello che è accaduto ad uno sciatore austriaco: una frazione di secondo e poteva essere fatale. Questa non vuole essere una disquisizione sul pilota del drone, ma solo un chiaro esempio di ciò che può accadere effettuando un'operazione di volo in Zona critica.

Di conseguenza risulta chiara la necessità di essere in possesso di SAPR muniti di specifici elementi di sicurezza e pilotati da operatori specializzati che abbiano tutte le autorizzazioni necessarie al volo rilasciate dall' ENAC. Purtroppo si, anche per i "matrimoni" funziona cosi: non basta essere un fotografo professionista munito di SAPR per poter offrire un pacchetto completo al cliente, ma si deve diventare un operatore di volo specializzato e far comprendere al cliente quale sia l'iter da dover percorrere per poter immortalare dal cielo il momento più bello della loro vita. Non crediate che i fotografi furbi, potendo ovviamente offrire un prezzo più conveniente, possano attirare più clientela.

E se durante le riprese del vostro matrimonio si presentassero le forze dell’ordine a controllare se il fotografo che voi stessi avete ingaggiato è in regola possedendo tutte le credenziali per far volare un drone, e lui non lo fosse, cosa accadrebbe? Credo proprio che il giorno del vostro matrimonio potrebbe trasformarsi in una brutta giornata!

Il regolamento ENAC è in fase di evoluzione, e già con le ultime modifiche sono state introdotte sanzioni amministrative e penali da applicare proprio in questi casi.

Ma oltre a realizzare video matrimoniali, a cosa servono?

4I droni possono essere utilizzati per: riprese cinematografiche, fotografie aeree, gestione del territorio, topografia, fotogrammetria, rilievi di costone, ispezioni fotografiche di impianti quali pannelli solari, rilievi di siti archeologici, progettazione architettonica, agricoltura, monitoraggio, ecc. I SAPR sono in piena evoluzione, e i campi di applicazione risultano essere infiniti perché basta rivolgersi ad un operatore specializzato al volo e sicuramente ciò a cui stai pensando può essere realizzato mediante l'utilizzo di un drone.

 

Ing. Simone Aversa - Specializzato in rilievi topografici e pilota SAPR